Ultimi Commenti

  • Ciao Anakin, si puoi usar... Vedi...
    30.01.16 18:35
    di BatEn
  • Ciao, volevo chiedere se ... Vedi...
    16.01.16 15:51
    di Anakin
  • Trovo l'articolo interess... Vedi...
    27.08.15 10:08
    di Michele
  • Articolo davvero Completo... Vedi...
    17.04.14 00:19
    di Marco
  • Ciao, benvenuto tra noi. Vedi...
    21.06.13 14:26
    di BatEn

Top Five Commentatori

Donazione

Sostieni Mente Geniale effettuando una donazione per migliorare i contenuti del sito e premiare i nostri sforzi.

Importo: 

Powered by OSTraining.com

Login

Benvenuto in Mente Geniale!
Engeström e la realtà PDF Stampa E-mail
Scritto da Maria Rispoli   
Sabato 08 Gennaio 2011 17:04

Il professore Yrjö Engeström è docente di Educazione degli Adulti e Direttore del Center for Activity Theory and Developmental Work Research presso l'Università di Helsinki. E’ anche docente di comunicazione presso l'Università di California, San Diego, dove ha prestato servizio come Direttore del Laboratorio di Comparative Human Cognition 1990-1995. Inoltre è professore onorario presso la Scuola di Formazione presso l'Università di Birmingham, UK. Lavora nel quadro della teoria dell'attività storico-culturale. E’ conosciuto per la teoria di apprendimento espansivo. (http://www.edu.helsinki.fi/activity/people/engestro/)

Engeström ha proprio ragione, la scuola e il mondo reale sono lontani anni luce uno dall’altro.

Ultimo aggiornamento Domenica 23 Gennaio 2011 19:11
 
Serializzazione di oggetti complessi su file in Java PDF Stampa E-mail
Scritto da Enrico Battuello   
Giovedì 25 Novembre 2010 21:11

Nell'informatica e in particolare nell'ambito del salvataggio e della trasmissione dei dati, la serializzazione è il processo mediante il quale è possibile convertire una struttura dati e/o un insieme di oggetti in una sequenza di bits/bytes affinché possano essere salvati in un file, in un buffer di memoria oppure possano essere trasmessi attraverso una connessione di rete per essere successivamente recuperati e ricostruiti nell'ambiente software di un qualsiasi computer.

La rilettura della sequenza di bits/bytes risultante, secondo le specifiche della serializzazione, permette di creare un clone semanticamente identico all'oggetto originale.

Ultimo aggiornamento Venerdì 07 Gennaio 2011 23:50
 
Comprendere i vantaggi e gli svantaggi di .Net e Java PDF Stampa E-mail
Scritto da Enrico Battuello   
Domenica 26 Settembre 2010 23:51

.Net e Java sono considerati i due ambienti di sviluppo per applicazioni web più utilizzati. Allo stato attuale è davvero difficile predire quale dei due emergerà come vincitore, tuttavia vi è una chiara indicazione del fatto che le grandi imprese che stanno già utilizzando Java da diverso tempo e quelle che adoperano molteplici piattaforme eterogenee continueranno sicuramente il loro rapporto con Java. D'altra parte, per il modo in cui .Net è concepito, le imprese che adoperano piattaforme windows e che mirano a tempi di sviluppo più rapidi andranno verso .Net.

Ultimo aggiornamento Lunedì 27 Settembre 2010 22:59
 
Localizzazione dei valori numerici in Java PDF Stampa E-mail
Scritto da Enrico Battuello   
Domenica 17 Ottobre 2010 18:40

Uno dei problemi più comuni che si possono incontrare quando si lavora su applicazioni web o client-server di portata internazionale, che hanno a che fare con valori numerici, è la gestione dei formati tipici della lingua a cui appartiene l'utente che sta utilizzando l'applicazione.

Per intenderci vediamo un esempio.

Supponiamo che la X-Bank sia una banca presente in diversi stati e che, tra le sue filiali, ci siano anche una filiale di Roma ed una filiale di New York.

Per chi non lo sapesse l'Italia e gli Stati Uniti, pur adottando fondamentalmente la medesima notazione numerica araba, utilizzano una rappresentazione differente (praticamente invertita) dei separatori decimali e di quelli delle migliaia.

Ultimo aggiornamento Domenica 17 Ottobre 2010 18:42
 
Il genio PDF Stampa E-mail
Scritto da Enrico Battuello   
Domenica 19 Settembre 2010 23:34

Da cosa deriva l'inventiva, l'estro, il genio ?
Non certo dalla noia e tantomeno dal disinteresse, dall'indifferenza, dai soldi e da una tanto sbandierata professionalità che, soprattutto ai nostri giorni, sa più di snobbismo che non di dedizione e abnegazione per il lavoro.

L'estro, l'inventiva, il genio nascono

  • dalla curiosità;
  • dalla capacità di apprezzare ciò che si sta facendo;
  • dall'emozione ottenuta per cio che si sta pensando, creando, comprendendo;
  • dal bisogno di gioire del proprio lavoro e dei propri successi tanto con se stessi quanto con gli altri.

Senza tutto questo, senza la capacità di commuoverci o di esultare per i nostri risultati e per quelli degli altri non può esserci entusiasmo, non può esserci fantasia e, tantomeno, inventiva e, senza di esse, non possono esserci innovazioni, scoperte e invenzioni; non può esserci il genio e senza il genio siamo solo macchine.


Enrico Battuello

Ultimo aggiornamento Giovedì 30 Dicembre 2010 12:58
 
«InizioPrec.111213Succ.Fine»

Pagina 13 di 13